Monitorare i consumi di energia, gas e risorse, è una delle basi da cui partire per una gestione della casa efficiente (qui l’articolo completo che vi spiega perché). Oggi vi spiego come effettuare la lettura del contatore del gas elettronico o meccanico, in modo che possiate poi registrare i dati e compararli con quelli degli anni precedenti. Se siete interessati a sapere come effettuare anche la lettura del contatore della corrente elettrica, qui trovate la guida.

Cosa misura il contatore del gas

Prima di tutto cosa sono i contatori? I contatori sono dispositivi che misurano i metri cubi di gas metano che passano dall’impianto di distribuzione generale a quello di casa vostra. Esistono due tipi di contatori del gas, quelli meccanici analogici e quelli elettronici digitali (che stanno gradualmente sostituendo i primi).

In quelli meccanici la lettura viene effettuata periodicamente da un addetto incaricato dal distributore locale, e in aggiunta può essere comunicata telefonicamente o online dal consumatore stesso (la cosiddetta autolettura).

Negli ultimi anni però le società distributrici stanno gradualmente rimpiazzando i dispositivi meccanici con quelli elettronici, in grado di comunicare autonomamente a distanza il consumo effettivo di gas (come fanno ormai da anni i contatori elettrici).

Come fare la lettura del gas su contatore meccanico

I contatori meccanici presentano una serie di rulli numerati che ruotano in modo progressivo man mano che il gas attraversa il dispositivo. A destra si trovano le tre cifre decimali (solitamente in rosso), mentre a sinistra le cifre intere (solitamente nere). Ai fini della lettura dovete annotare solo le cifre a sinistra della virgola, tralasciando quindi le decimali.

lettura del contatore gas meccanico

Contatore del gas meccanico

Come fare la lettura del gas su contatore elettronico

I contatori elettronici dispongono invece di un display digitale, solitamente spento per risparmiare energia: per accenderlo basterà premere uno dei pulsanti presenti. Alcuni modelli sono in grado di rilevare anche altre numerose informazioni, quindi c’è la possibilità che dobbiate premere il tasto più volte, fino a visualizzare il consumo in metri cubi (m3).

Come per quelli meccanici, anche in questo caso dovete annotare solamente le cifre prima della virgola, tralasciando le tre decimali che si trovano alla sua destra.

Lettura del contatore gas elettronico

Contatore del gas elettronico

Ricordatevi che il valore letto è progressivo, e che parte da zero nel momento in cui il contatore viene installato: per avere il consumo parziale di un dato periodo, quindi, non dovete far altro che sottrarre al valore attuale quello rilevato nel primo giorno del periodo in esame.

A titolo di esempio, se volessi conoscere il consumo del mese di Gennaio, dovrei sottrarre al valore visualizzato il giorno 31/01 (possibilmente a fine giornata) quello annotato nel giorno 01/01 (possibilmente ad inizio giornata).

E’ importante ricordare che per un controllo dei consumi significativo è necessario registrare i m3 consumati, e non gli euro spesi in bolletta, dato che quest’ultimo valore, risentendo fortemente delle variazioni di prezzo del gas sul mercato, non rappresenta fedelmente l’effettivo consumo di gas!